EUROBIKE

Contatto

Sandra Janjanin
Sandra Janjanin
Addetta alla progettazione
+49 7541 708-413
+49 7541 708-2413
Kathrin Ruf
Kathrin Ruf
Addetta alla progettazione
+49 7541 708-412
+49 7541 708-2412
Stephan Fischer
Stephan Fischer
Coordinator Visitor Service
+49 7541 708-404
+49 7541 708-2404
Kommunikation
Kommunikation
+49 7541 708-307
+49 7541 708-331

L’e-bike del futuro è una bicicletta

Grande velocità d’innovazione nel settore dell’e-bike – biciclette a propulsione elettrica e biciclette tradizionali uguali nell’estetica

Che aspetto avrà l’e-bike del futuro? La risposta di molti produttori di motori elettrici per e-bike è la seguente: “sarà come una bicicletta”. Questa risposta che sembra molto semplice, per i protagonisti del mercato dell’e-bike è una sfida, come sarà evidente alla fiera Eurobike di Friedrichshafen.


Cinque anni sono un lungo periodo per i settori trainati dall’innovazione. Questo risulta evidente se si guarda indietro alla storia dell’e-bike: benché le prime e-bike già siano comparse sul mercato a cavallo tra il vecchio e il nuovo secolo, la vera spinta innovativa e quindi le giuste condizioni per un vero e proprio boom dell’e-bike, si avranno solo negli anni dopo il 2010. La velocità dell’innovazione nel settore non diminuirà nemmeno negli anni successivi. Un obiettivo importante in questo campo è quello di riavvicinare e-bike e bicicletta. “Una e-bike sarà nell’aspetto sempre più simile a una bicicletta normale. Se la batteria per il portapacchi, per esempio, negli anni passati era standard, adesso si predilige una soluzione semi-integrata o integrata”, afferma Michael Wild, direttore marketing e stampa del distributore Shimano Paul Lange.


Bosch, leader nel mercato europeo tra i produttori di motori elettrici per e-bike, vede lo sviluppo del settore in maniera simile, come riferisce Claus Fleischer, direttore della sezione e-bike presso Bosch: “Secondo il nostro punto di vista, nel 2022 ci saranno pedelec che in forma e design non si differenzieranno dalle biciclette tradizionali. Motori e batterie saranno più compatti e leggeri e così ben integrati nel design del telaio, che non sarà più possibile distinguere dall’aspetto una e-bike da una normale bicicletta senza motore elettrico. D’altra parte ci saranno anche numerosi modelli di pedelec facilmente identificabili come tali: perché ci sono ciclisti che amano utilizzare un mezzo lineare e “purista” e altri che vogliono invece venire identificati subito come e-biker – dando così un chiaro segnale di preferenza.


Sembra semplice inserire nelle e-bike delle batterie più piccole, in realtà per i produttori questa è una sfida non da poco. “Con la crescente integrazione delle componenti delle e-bike, anche i compiti legati allo sviluppo si fanno per i produttori di biciclette sempre più impegnativi. Per un produttore di e-bike la gestione del prodotto è in realtà sempre più una gestione del progetto, nel quale è necessario coordinare diversi partner e collaboratori“, ci spiega Jens Steinhäuser, responsabile per lo sviluppo del marchio sportivo Conway presso il produttore Hartie.
Che aspetto avrà dunque nel 2022 una tipica e-bike? “L’e-bike del 2022 non è facile da delineare chiaramente, perché in realtà l’e-bike 2022 non esiste. Già oggi possiamo vedere che il motore elettrico interessa sempre più modelli e categorie di biciclette. Questa tendenza è destinata a continuare. Nel 2022 l’e-bike avrà così tante sfaccettature, che ogni tentativo di definirla sarà destinato a fallire”, questa l’opinione di Michael Wild del distributore Shimano Paul Lange.


Questa dinamica del mercato è evidente anche all’Eurobike, che, in quanto fiera leader dell’industria delle due ruote, è considerata tra le principali e più importanti piattaforme internazionali per il mercato delle e-bike. “Con i suoi oltre 1350 espositori da più di 50 paesi, nel 2017 l’Eurobike supera di nuovo tutti i record. L’Eurobike rispecchia e documenta i cambiamenti nella struttura del settore della bicicletta. I visitatori potranno scoprire all’Eurobike ancora una volta molti nomi nuovi tra gli espositori. Molti di loro, che fino a pochi anni fa erano praticamente sconosciuti nel settore, sono annoverati oggi tra le imprese più di tendenza nel mercato delle biciclette. In compenso alcuni grandi nomi degli ultimi decenni oggi non sono più presenti alla fiera”, osserva Stefan Reisinger, direttore di settore dell’Eurobike alla fiera di Friedrichshafen.

Abbonarsi ora

per non perdere più le TOP-News e Insider


Newsletter

Top